20 buoni motivi per votare 5 stelle

1-REFERENDUM PROPOSITIVI
Voglio una democrazia che consenta ai cittadini di proporre leggi nuove attraverso referendum propositivi di nuove leggi, e poter raccogliere le firme per fare Referendum propositivi  di nuove leggi e non solo abrogativi  di  leggi già esistenti ,  come è oggi.
2 –OBBLIGO DI DISCUSSIONE DELLE LEGGI DI INIZIATIVA POPOLARE .
Introdurre l’ obbligo di discussione IN TEMPI CERTI E STABILITI delle leggi di iniziativa popolare ,senza possibilità di farli decadere senza discussione come  è tutt’oggi
3- LEGGE ELETTORALE  .
Legge elettorale proporzionale ( corretto con premio di maggioranza ) con  elezione diretta da parte del corpo elettorale  dei candidati in possesso di requisiti prestabiliti   presentati dai partiti ad ogni tornata elettorale.Possibilità di candidarsi anche al di fuori dei partiti.

4-INTRODUZIONE DELLA PROCEDURA DI REVOCA DEL  MANDATO  PARLAMENTARE , oltre all’introduzione del limite e vincolo di mandato per ogni nomina o incarico istituzionale. Dopo due legislature si va a casa.Eliminazione della metà dei parlamentari. Per quanto riguarda il Parlamento ,sarà necessario decidere sull’abolizione di  uno dei due rami del Parlamento , dimezzando contemporaneamente   il numero dei parlamentari  . Stipendi , pensioni e trattamento nella media dei paesi europei. Nella media dei paesi europei anche i compensi per  tutte le attività correlate e connesse alla vita del parlamento, dai questori , alle dattilografe, agli uscieri. Oggi siamo all’assurdo che il Presidente Usa guadagna quanto un usciere o una dattilografa parlamentare italiana.Abolire completamente la carica di senatore a vita , abolire completamente le cariche di ex presidenti della camera e del senato , togliere i loro uffici, abitazioni, scorte, addetti , e quant’altro.Auto blu, solo a tre figure istituzionali . Capo di Strato, Capo di Governo e Presidente Corte Costituzionale.  Tutti gli altri che oggi hanno a disposizione auto blu, dovranno organizzarsi con  mezzi propri a proprie spese . Le  scorte predisposte all’occorrenza  solo per lo svolgimento di INCARICHI  istituzionali.

5- ABOLIZIONE DEI  RIMBORSI ELETTORALI  AI PARTITI E ALLA STAMPA DI PARTITO, ell’editoria politica in genere.Rendere obbligatoria la rendicontazione delle spese elettorali effettivamente sostenute attraverso fatture e scontrini ed eventualmente prevedere un rimborso.

6- REQUISITI E COMPETENZE
Oggi stranamente non richiesti a chi vuole occuparsi di politica  e quindi di amministrazione dei beni pubblici  , si dovranno  rendere necessari per candidarsi e per  essere eletti . Sarebbe opportune che i candidati possano ricoprire incarichi e quindi essere eletti in base alle competenze acquisite, rendendo obbligatoria la pubblicazione  da parte del candidato delle competenze acquisite prima di candidarsi, E, SOPRATTUTTO,  collegare strettamente  le competenze acquisite e dimostrate con la tipologia di incarico e funzione politica e/o amministrativa che si intende svolgere una volta eletti .  Politici tuttologi a vita, non ne vogliamo più.
7 -TRASPARENZA BILANCI
Rendere obbligatorio a partiti , sindacati e Fondazioni di proprietà dei politici, la stesura dei bilanci ,senza dati aggregati  e con esplicitazioni delle lista di tutte le  voci componenti  e   loro  pubblicazione.
8 – ELEZIONE DIRETTA DEL CAPO DI STATO .
Non si chiede di ridurre  lo stipendio dell’inquilino del Quirinale, cioè del capo dello Stato, ma  è OPPORTUNO  tagliare tutte le spese che formano il  “contorno ”  della gestione del Quirinale. .Eliminare  tutti i servizi annessi e connessi all’attuale gestione del Quirinale inteso come struttura, dal cambio della guardia, alle cucine. Via tutto.Il Presidente non potrà abitare il Palazzo del Quirinale, che diventi un museo, lo acquisisca il Comune di Roma e ci faccia pagare il biglietto ai turisti per andare a visitarlo come palazzo storico . Il Capo di Stato abiterà a casa sua e quando andrà  a lavorare  avrà  a disposizione un intero piano di  un bel palazzo di proprietà dello Stato .Tutte ma proprio tutte le amministrazioni pubbliche dovranno risiedere in palazzi di proprietà dello Stato : oggi  sono molte  le sedi di amministrazioni pubbliche  in cui lo Stato paga affitti da capogiro  a privati o a società collegate o partecipate, lasciando vuoti e inutilizzati edifici pubblici .
9 –ACCORPAMENTO   di regioni e dei piccoli comuni limitrofi  con caratteristiche di territorio, economiche e sociali simili o identiche , e eliminazione /riordino criteri di costituzione di società partecipate.    I Cda delle aziende pubbliche ammontano ad un numero spropositato  perchè moltiplicato per  20 regioni, residuo di una struttura statale pensata in modo borbonico e bizantino. Sarà necessaria l’ abolizione  completa delle regioni a Statuto speciale, la  creazione di 3 o 4 macroregioni aggregando le 20 attuali, , con criterio geografico , con competenze autonome esclusive  RISPETTO ALLO  STATO e autonomia fiscale e impositiva.
10 – UNIFICAZIONE  dei centri di spesa ( acquisto )per le amministrazioni delle aziende sanitarie . 
11 – ABOLIZIONE DELLE PROVINCIE  . Ancora non abolite  benchè non siano più eleggibili dai cittadini. Si eleggono tra di loro. PERSONALE E COMPETENZE PROVINCIALI SONO  EQUAMENTE DA DISTRIBUIRE TRA REGIONI , COMUNI E PREFETTURE

 12 – PERSONALE DIPLOMATICO E AMBASCIATORIi. In Italia guadagnano più che in tutto il mondo . Riportare i loro compensi, e rimborsi alla media europea.

13 -RIDUZIONE DEGLI STIPENDI DEGLI ALTI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE , adottare come parametro la media europea.

 14 –RIFORMA DELLA GIUSTIZIA , con primario obbiettivo della riduzione forte della durata dei processi. Prendere in esame la possibilità di rendere eccezionale il ricorso in appello.

 15 – Riforma della RAI. Eliminare ogni nomina politica dalla conduzione della Tv di Stato . Adozione di adeguata Legge sul conflitto di interessi tra politica e proprietà diretta o indiretta dei mezzi di comunicazione.Chiusura delle sedi Rai regionali.

16 .- RIFORMA FISCALE. Benchè impopolare al massimo livello, l’unica soluzione è ridurre il carico fiscale (le aliquote e il numero delle imposte e dei tributi ) ma eradicando alla base l’evasione e l’elusione fiscale, introducendo un regime fiscale basato sul criterio dell’accertamento dei redditi, che dovrà sostituire quello attuale basato sulla dichiarazione dei redditi da parte dei soggetti interessati. Interessanti prospettive occupazionali per i giovani su tutto il territorio nazionale

17 – RIFORMA DELLA SCUOLA Innalzare stipendi e formazione per i docenti nei vari livelli scolastici , E limitare il numero degli studenti in classe a 15.

18 – informatizzazione di tutti gli uffici della PA. Riforma della PA , indirizzata alla semplificazione dei servizi offerti. CREAZIONE DI UNA RETE PUBBLICA WI-FI, PER PORTARE IL SEGNALE DI CONNESSIONE AD INTERNET SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE

19 – IMMIGRAZIONE .Adozione di  politiche di contenimento e contrasto all’immigrazione clandestina . .Drastica riduzione dei tempi di accertamento del diritto d’asilo ed espulsione immediata e coatta degli immigrati irregolari, di concerto con gli altri paesi europei, reindirizzando gli immigrati ai punti di partenza. Monitoraggio delle rotte di sbarco con interventi in mare di salvataggio , e ripartenza immediata indietro verso il punto di partenza. Pur sapendo che si tratta di fenomeno inarrestabile, è indispensabile scoraggiare l’ingresso di immigrati irregolari.  Rendere obbligatoria  la frequenza di  corsi e esami abilitanti per svolgere l’attività  di indirizzo religioso per tutte le confessioni  ( per esempio per gli  Imam nelle moschee ) .

 20 – Investimenti pubblici in Meridione, per quanto riguarda acquedotti, reti elettriche e fognarie, messa in sicurezza del territorio, porti, aereoporti,ferrovie,autostrade, predisponendo una legislazione speciale tendente a favorire tali investimenti finalizzati soprattutto allo  sviluppo turistico di tutto il Mezzogiorno, con effetti positivi sul piano occupazionale.

Tutto ciò spiega ampiamente la coalizione  dei partiti di destra e di sinistra contro il Movimento 5 stelle .